Croato Inglese Germano Italiano

Croazia

Croazia dall'ariaSituata nell'Europa sud orientale dalla forma di ferro di cavallo, la Croazia offre 5.835 km di coste di cui 4.058 km sono le coste di isole e isolette. Niente meno di 1.185 isole ma solo 50 sono abitate. La costa Croata sorge sull'Adriatico uno dei mari più puliti del Mediterraneo e magnificamente caldi.

Ciò che rende la Croazia unica sono mille anni di culture diverse ce si sono successe e a volte assimilate in quest' area.

La costa est dell'Adriatico sono state abitate già dagli inizi dall' età della pietra e ci sono prove che anche le isole più inaccessibili furono abitate (scavi archeologici nelle caverne vicino alle isole di Hvar e Palagruza, ecc.).

Le scoperte archeologiche dimostrano che nel 6. secolo DC gli antichi greci commerciarono con gli Illiri per mare e che fondarono quì le loro colonie (ad esempio Pharos, l'odierna Starigrad,le isole di Hvar e Issa o Vis). Qualche secolo dopo, arrivarono i Romani che costruirono non solo palazzi e residenze estive ma spendevano molto tempo anche in mare poiché sono innumerevoli le scoperte marine, prevalentemente anfore, locate tra Pula e Cavtat.

Una nuova era ebbe inizio con l'arrivo dei Slavi nel quinto secolo, un periodo caratterizzato da lotte e constanti combattimenti per la supremazia e la difesa da vari nemici. Dubrovnik, eminente repubblica dell' epoca, ebbe un'importante ruolo nella cultura e nel commercio specialmente con Venezia.

Nel 18. secolo, Napoleone regnò per un corto periodo di tempo, dopodiché fu rimpiazzato dalla monarchia Austriaca. Durante i duecento anni a venire, l'Italia e l'Austria si battero per la supremazia sulla costa est che culminò con la battagli di Vis nel 1866. Le testimonianze di questi tempi gloriosi possono essere trovati non solo sulla terraferma ma anche sott'acqua, nelle forme di relitti, e altri resti di magnifiche navi.

Il periodo degli Austroungari ebbe inizio dopo ciò. Si costruirono porti e fortificazioni, il commercio e la costruzione navale fioriscono. Durante le due guerre mondiali, l'Adriatico fu una delle più importanti aree di battaglia - sono innumerevoli i relitti navali di quel periodo. Nelle vicinanze di Pula, ad esempio, che a quel tempo era un vitale porto di strategica importanza, sono stati locati una ventina di relitti che includono: sottomarine e navi - torpedo.

L'Adriatico è sempre stato una rotta marittima importante tra l'est e l'ovest, di cui testimoniano i numerosi relitti - che ci ricordano che il passato non dovrebbe essere dimenticato, ma dovrebbe essere una lezione per il futuro.

Verde Blue Orange Back to top